Seduta attiva

La seduta attiva nel cambiare postura previene molti dolori alla schiena. La seduta convenzionale, invece, è rigida. E sedersi rigidamente significa contrarre i muscoli della schiena. I dischi intervertebrali sono sollecitati in modo monotono, la postura del bacino e del tronco si allenta, il corpo si ammala. Allo stesso tempo, sedersi rigidamente ti rende stanco. La concentrazione diminuisce a causa della mancanza di ossigeno nel sangue. Pertanto, i medici raccomandano una seduta attiva e in movimento su mobili per sedersi attivi che incoraggiano il corpo a cambiare frequentemente posizione e postura.

Sedie da ufficio che si muovono

La seduta attiva porta attività, salute e qualità della vita in ufficio. Che sia otto o dodici ore, la seduta attiva favorisce il movimento durante il giorno. La seduta attiva nel cambiare postura previene il dolore lombare perché sollecita in modo diverso le varie strutture della schiena ed evita lo stress unilaterale. Sedersi in modo sano significa quindi cambiare la propria posizione di seduta il più spesso possibile. I terapisti del movimento consigliano di spostare il peso, a volte a sinistra ea volte sul gluteo destro mentre si è seduti. Fedele al motto: la postura successiva è la migliore.

I muscoli hanno bisogno di movimento

Uno sguardo all'anatomia mostra anche perché i mobili per sedersi attivi sono così buoni per la schiena: la colonna vertebrale è una colonna di 24 corpi vertebrali impilati uno sopra l'altro. La struttura traballante è tenuta insieme da numerosi muscoli. Formano una rete di fasce sottili che incrociano tutte le vertebre l'una con l'altra. Le fasce di sostegno raddrizzano la colonna vertebrale e la stabilizzano alternativamente. Mentre un filo muscolare tira, il suo avversario cede per trattenerlo. Un sistema complicato che funziona solo quando tutti i muscoli sono ugualmente forti. I muscoli deboli sono una delle principali cause dei problemi alla schiena. I numerosi muscoli della schiena possono essere allenati in modo ottimale con la seduta attiva, e questo per inciso durante il lavoro d'ufficio.

Ma quale sedia supporta effettivamente la seduta attiva? Una sedia da ufficio che supporta la seduta attiva si adatta ai movimenti della persona seduta. La schiena rimane sempre in posizione verticale. I dischi intervertebrali vengono nutriti, gli organi alleviati e la circolazione stimolata. Le prestazioni aumentano così come la concentrazione e l'umore. Lo schienale e il sedile seguono i movimenti e favoriscono il passaggio tra seduta attiva, dinamica e rilassata.

In forma durante la seduta attiva

La seduta attiva offre possibilità di movimento in tre dimensioni: oscillazione in verticale e movimenti orizzontali in avanti, indietro e di lato. La continua alternanza tra carico e scarico dei dischi intervertebrali così ottenuta previene la tensione. Allo stesso tempo, vengono allenati i muscoli della schiena e dell'addome. Si stimola anche la circolazione e si previene l'affaticamento. Importante: il sedile, leggermente incurvato verso l'alto, contrasta la tendenza del bacino a inclinarsi all'indietro.